Se Salvini e il M5S avessero avuto un minimo di coraggio e di coerenza politica avrebbero tolto gli 80 euro di Renzi e avrebbero usato quei soldi per il reddito di cittadinanza o per quello che volevano. Si tratta di circa 9 miliardi di Euro l’anno per una misura da sempre criticata sia da Salvini che dal M5S.

Perché allora invece di aumentare il debito con una legge finanziaria fatta completamente a debito non hanno fatto questa operazione che comunque hanno sempre giudicato inutile per diminuire di 9 miliardi l’esposizione del nostro Paese? Sarebbero bastati per mantenere il rapporto debito-PIL entro i parametri richiesti dalla UE visto che solo il reddito di cittadinanza costa 10 miliardi.

Non lo hanno fatto perché sono perennemente in campagna elettorale e adottare una misura simile, che sarebbe stata comunque coerente con quanto da loro detto in campagna elettorale, avrebbe voluto dire perdere qualche punto di consenso. Perché, parliamoci chiaro, gli 80 Euro di Renzi saranno anche sembrati una “mancia elettorale” ma alla fine dei conti fanno comodo a tutti coloro che a vario titolo ne beneficiano. Sono 960 Euro l’anno, quasi una mensilità in più ogni anno, una quattordicesima con la quale pagare le bollette o togliersi uno sfizio in più.

In fondo anche il Ministro Tria lo aveva proposto pur di non arrivare a sforare gli accordi presi con l’Europa. Ma i due Capi di Governo non se la sono sentita di andare a rischiare quel po’ di consenso che una misura simile, perennemente dileggiata, avrebbe comportato. Non hanno avuto le palle per farlo.

E allora piuttosto che rischiare di perdere un briciolo di consenso in questa nuova politica perennemente in campagna elettorale e fatta di proclami e ringhiate, molto meglio alzare il debito. Tanto se le cose vanno male si può sempre dare la colpa all’Europa, alle lobby dei banchieri, ai giornalisti, alle dichiarazioni di Moscovici e chi più ne ha più ne metta.

© 2018, Analitiko. All rights reserved. Riproduzione vietata