In questo Paese non ci sono due governi, ci sono due forze politiche che governano ma il governo è uno solo. Questa è una precisazione che deve essere fatta perché la tendenza che ha Salvini (e con lui la Lega) a non parlare del reddito di cittadinanza come se fosse una cosa che non lo riguarda ma che attiene solo a Di Maio e il M5S, come se lui non avesse nessuna responsabilità su quello che fanno i pentastellati, non è tollerabile.

La Lega di Salvini è responsabile di quello che fa il Governo così come lo è il M5S, quindi Salvini è responsabile del reddito di cittadinanza esattamente come lo è il Movimento fondato da Grillo. Cercare di sfilarsi da quella legge prevedendo che farà solo danni e che comunque è invisa all’elettorato leghista, è una furbata pacchiana e persino grottesca. Non c’è un Governo Di Maio che fa alcune leggi e un Governo Salvini che ne fa altre, per altro non meno disastrose di quelle che fa il M5S. C’è un solo Governo e tutti sono responsabili di quello che fa e di quello che accadrà in seguito.

Il contratto di Governo con Di Maio lo ha firmato Salvini ed era ben consapevole di quello che stava firmando e quindi era ben consapevole che il M5S avrebbe fatto il reddito di cittadinanza. Sentire il capogruppo leghista Riccardo Molinari affermare che il rialzo dello spread è dovuto al reddito di cittadinanza come se volesse dire che la Lega non c’entra nulla, che la colpa di tutto è solo del M5S è uno scaricabarile inconcepibile, come se la Lega ne volesse prendere le distanze.

Eh no, non funziona così. La Lega è responsabile del reddito di cittadinanza almeno quanto lo è il M5S. Cercare di prenderne le distanze è un esercizio di pura ipocrisia indirizzato a quella moltitudine di elettori leghisti che vedono questa legge come il fumo negli occhi.

© 2018, Analitiko. All rights reserved. Riproduzione vietata