fascista è chi fascista fa

Fascista è un aggettivo pertinente o riconducibile al fascismo. Così ci dice l’amatissimo vocabolario che poi allarga la definizione al sostantivo e ci spiega che fascista vuol dire anche “seguace o fautore del fascismo; iscritto al Partito Nazionale Fascista”.

Tutto facile quindi? Tutto così semplice e immediato? Beh no, non direi specialmente dopo i recenti fatti di cronaca dove ad aggredire e a provocare disordini sono coloro che si autodefiniscono “antifascisti”.

Personalmente penso che la definizione più adatta di fascista sia quella che ne diede Sandro Pertini quando disse che «il fascismo è l’antitesi della fede politica, perché opprime tutti coloro la pensano diversamente».

Ecco, il fascismo è quella ideologia di destra o di sinistra che opprime tutti coloro che la pensano diversamente. Fascista è chi vuole imporre il silenzio a tutti coloro che non la pensano come lui, che opprime la libertà di pensiero, che vorrebbe vietare l’azione politica che non sia in linea con la sua.

Questo è il fascismo, questi sono i veri fascisti. Che siano fascisti neri o che siano fascisti rossi, che si chiamino Forza Nuova o Potere al popolo, che sia CasaPound o un centro sociale, nel momento in cui tu cerchi di zittirmi e lo fai addirittura con violenza sei un fascista.

Oggi la fede politica non c’entra più nulla, il concetto di fascista così come lo esprime il dizionario è ampiamente superato. Oggi il fascista è colui che cerca di tacitare l’altro, colui che usa la forza per farlo e che non accetta che ci possa essere una fede politica diversa dalla sua.

Non amo certamente i partiti che in qualche modo si rifanno alla ideologia fascista, quella che per intenderci cita il dizionario. Tuttavia avendo assoluta fiducia nella facoltà di controllo delle istituzioni ritengo che se si è ritenuto che queste forze politiche non rientrino nel reato previsto dall’art. 4 della legge 20 giugno 1952, n. 645, anche detta Legge Scelba, che punisce l’apologia del fascismo, nessuno può arrogarsi il Diritto di impedire loro di esprimere le loro idee, di partecipare a libere elezioni e di tenere liberi comizi elettorali. Si possono non condividere quelle idee, io non le condivido assolutamente, ma da qui a voler impedire loro di fare politica ce ne corre. Chi lo fa è un vero fascista.

© 2018, Analitiko. All rights reserved. Riproduzione vietata