Ci risiamo. Come ogni anno il 25 aprile da festa della liberazione si trasforma in festa della propaganda nazista, anzi, in simbolo della propaganda nazi-islamica.

Non si spiega altrimenti come sia possibile che anche quest’anno le bandiere palestinesi vengano preferite a quelle della Brigata Ebraica. Eppure tutti conoscono la vicinanza storica dei palestinesi al nazismo, tutti sanno dell’alleanza tra il Gran Mufti di Gerusalemme, Amin al Husseini, e Adolf Hitler, un’alleanza finalizzata a un solo scopo: sterminare gli ebrei.

E se non bastasse quest’anno ne abbiamo anche una conferma contemporanea. Chi non ha visto la svastica nazista esibita orgogliosamente dai palestinesi durante gli ultimi tumulti lungo il confine con la Striscia di Gaza?

Eppure a quanto sembra anche quest’anno le bandiere palestinesi, che con la liberazione d’Italia non c’entrano un fico secco, sventoleranno nelle varie manifestazioni organizzate dall’ANPI mentre quelle della Brigata Ebraica verranno relegate a manifestazioni private organizzate separatamente.

E’ come se nelle sfilate per festeggiare il 25 aprile sfilassero bandiere con la svastica. Le bandiere palestinesi hanno lo stesso identico significato e non lo dico io, lo dicono gli stessi palestinesi nel momento in cui abbinano la loro bandiera a quella dei nazisti.

Si parla tanto di “ricordo”, di “memoria”, si dice che il 25 aprile serve a “non dimenticare”. Beh, a me sembra che la memoria se ne sia andata, che in Italia si sia dimenticato chi erano i nazisti e chi invece erano i liberatori.

Permettere alle bandiere palestinesi di contaminare la festa della liberazione d’Italia vuol dire accettare il nazi-islamismo, vuol dire trasformare una festa che dovrebbe rappresentare il ripristino della libertà e della democrazia in una sfilata che ci mostra il cupo futuro che ci aspetta, perché se lasciamo che il nazi-islamismo vinca sulla resistenza e sulla democrazia vuol dire che abbiamo dimenticato cosa ha rappresentato il nazismo e soprattutto vuol dire che non ci stiamo rendendo conto di cosa rappresenti quella orrenda ideologia chiamata nazismo per i nuovi/vecchi adepti palestinesi e per i loro supporter.

© 2018, Analitiko. All rights reserved. Riproduzione vietata