Analisi e opinioniMondo

Proteste in Iran: il problema non è il velo della Mogherini ma il lenzuolo europeo

Una risposta, quella della Mogherini alle violenze del regime iraniano, che sfiora il ridicolo e che mostra come sia tutta l’Europa a indossare il velo di fronte agli Ayatollah

14KViews

Che la Mogherini indossi il velo nelle sue frequenti visite in Iran è certamente deplorevole a livello morale, ma nel computo dell’atteggiamento diplomatico è senza dubbio “accettabile”, addirittura quasi scontato. Sono pochissime le donne con gli “attributi” necessari per potersi sottrarre a questo rito di sottomissione e di certo la Mogherini non è tra queste.

Quello che dovrebbe preoccupare i critici dell’atteggiamento della sig.ra Mogherini non è quindi tanto l’aspetto estetico del velo o il fatto di coprirsi il capo in segno di rispetto (anche diplomatico) ma è il fatto che quell’atteggiamento verso gli Ayatollah sia il riflesso di un diffuso pensiero europeo.

L’Europa è così accondiscendente con gli Ayatollah iraniani da perdonare loro praticamente di tutto. E’ come se a Bruxelles quando si parla di Iran sia tutta l’Europa ad essere velata, nel senso di sottomessa.

Ieri sera finalmente la Mogherini ha detto qualcosa sulle manifestazioni in Iran, ma è stata a dir poco evasiva per non dire inutile

Stiamo seguendo le manifestazioni dei cittadini iraniani degli ultimi giorni. Siamo stati in contatto con le autorità iraniane e ci aspettiamo che il diritto a manifestare pacificamente e la libertà di espressione siano garantiti, come conseguenza delle dichiarazioni pubbliche del presidente Rouhani. Continueremo a monitorare gli sviluppi

Non una sola parola di condanna sulle violenze di regime, sulle uccisioni e sulle centinaia di arresti. Un allineamento totale alle ambigue posizioni di Rouhani che pur affermando di voler garantire il “diritto al dissenso” ammonisce sottotraccia (come fanno i mafiosi) a non esagerare. E siccome si da per scontato che le parole della Mogherini siano le parole dell’Unione Europea è palese che l’Europa sia allineata a Rouhani.

Altro che il velo sulla testa, questo è un lenzuolo. L’Europa invece di far sentire con forza la sua voce e di condannare le violenze del regime iraniano si allinea agli avvertimenti mafiosi degli Ayatollah e chiede si il “diritto a dissentire” ma entro i canoni iraniani, quelli cioè che dissentire è vietato.

E’ una capriola diplomatica allucinante, che sfiora il ridicolo.

E allora smettiamola di guardare il dito del velo della Mogherini invece di guardare la luna del lenzuolo europeo nell’atteggiamento con l’Iran. Siamo di fronte a un gravissimo episodio di accondiscendenza che di certo non aiuta il popolo iraniano e che ricorda drammaticamente i fatti del 2009 quando il mondo intero si girò dall’altra parte mentre i giovani iraniani dell’onda verde venivano massacrati dalle milizie agli ordini delle Guardie della Rivoluzione iraniana.

© 2018, Analitiko. All rights reserved. Riproduzione vietata